Istituzioni per i rapporti tra Italia e Cina

Istituzioni per i rapporti tra Italia e Cina

I rapporti tra Italia e Cina sono particolarmente solidi da diversi anni ormai. I due paesi hanno infatti stabilito delle rappresentanze diplomatiche nel 1970 e da allora non ci sono stati problemi di sorta.

In Cina, l’ambasciata italiana si trova a Pechino, a cui si aggiungono i due consolati di Canton e di Hong Kong e il consolato generale di prima classe di Shangai. In Italia, invece, l’ambasciata cinese si trova a Roma, mentre i due consolati generali sono a Milano e a Firenze: il primo ha giurisdizione il Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna, il secondo invece in Toscana, Umbria, Liguria e Marche. Tutte le altre regioni, invece, ricadono sotto la giurisdizione dell’ambasciata di Roma.

Due sono i settori principali in cui i rapporti tra Italia e Cina si contraddistinguono: il primo è regolato dal Comitato Intergovernativo Italia – Cina, il secondo invece riguarda il campo della cooperazione militare.

Il comitato intergovernativo è stato istituito nel 2004, dopo la visita romana di Wen Jiabao, il primo ministro cinese. Si tratta del comitato che si occupa di coordinare le relazioni tra i due paesi e svolge una funzione cruciale tra le connessioni degli stessi, incluse funzioni di amministrazione e gestione dei rapporti tra enti privati e pubblici.

Relativamente alla cooperazione militare, invece, le origini risalgono alla fine della seconda guerra mondiale. La prima firma di un accordo a livello militare è datata 1991, mentre è del 1996 la prima esercitazione congiunta tenutasi al largo delle coste di Shangai tra la Marina Militare Italiana e la Marina dell’Esercito Popolare di Liberazione.

I rapporti tra Italia e Cina non si limitano solo ad un discorso economico e militare, ma anche culturale. In questo caso i rapporti risalgono agli anni ’50, precisamente il 1955, quando in Italia arrivò l’allora vice ministro della cultura cinese, Zhang Zhixiang. Nel 1978, a Roma, venne invece sottoscritto un accordo bilaterale di collaborazione culturale che vige ancora oggi e che porta alla creazione di programmi di scambio culturale oltre 2-4 anni.

Una storia, quella dei rapporti tra Italia e Cina, che va avanti da tanto tempo e che permette al nostro paese e a quello orientale di essere ben più che semplici partner commerciali, ma veri e propri amici.